la storia

Il nome deriva da uno storico di Edmondo, solista del gruppo musicale “I Diavoli” fondato da Sel, Edi, Toni e Lino nel 1963. Nel 1967 incisero il loro primo e unico disco. Che non ebbe molto successo ma abbastanza per essere citato nel mix dal titolo” beat e derivati “ distribuito dalla Sony nel 1997.
Il gruppo si divide nel 1971. Tutti i componenti fecero famiglia e così fini l’avventura musicale durata dal 1963 al 1971. Edmondo era troppo lungo, così i fans decisero di chiamarlo Edi. Appena aperto il locale i clienti lo chiamarono Edi’s Bar e così rimase per sempre all’insegna dei locali aperti di seguito.

L’Edi’s Bar ha una sua particolarità quella di essere professionalmente preparato per affrontare un mercato provinciale ancora, diciamo impreparato per ricevere un certo servizio. Il terreno per proporre una tipologia ancora sconosciuta di servizio di Bar, Cocktail Lounge e ottima e quindi il gradimento dei clienti amici supera di gran lunga le aspettative di Edi e Claudia.

A gessate rimane aperto sino al 1982,Contemporaneamente aprono rinnovato il Bar gelateria manzotti di Canonica d’Adda in collaborazione con Enrica la proprietaria che ancora oggi gestisce questa famosa location. Nel dicembre del 1982 aprono l’Edi’s Bar Cocktail Lounge di Melzo. Il locale particolare per la location con piscina, arredamento molto trendy e servizio altamente professionale viene preso come un locale che anticipa in senso futuristico e progressivo il nuovo locale da prendere come esempio per i futuri anni.

Nel 1984 Edi lascia “Il Manzotti” per aprire l’Edi’s Cafè & Restaurant sempre a Melzo ma in centro. Questo locale non lo lascerà mai. Ancora oggi è gestito da Claudia, Edi e Denise.
La denominazione di Cafè & Restaurant anticipa un po’ la tipologia del locale di ristorazione europea perché affronta un servizio di colazioni,aperitivi del mezzo giorno e del servizio di vivande combinate nel break della giornata.
Diciamo che è un ristorante che usa combinare prodotti freschi e altri prodotti preparati e congelati. Non tiene una cucina ma un office (laboratorio senza fuochi ma con solo forni e piastre)offrendo un servizio ai tavoli con le caratteristiche del ristorante. La merenda del pomeriggio con cioccolate fantastiche, caffè combinati, bevande, frullati, milk shake, spooms, piccoli sandwiches, club sandwiches, focacce, la “Nostra pizza al trancio”.

L’ora degli aperitivi serali che si trasformano in vere e proprie cene con;fiocchi di roast-beef alla pietra, Manzo scottato con salsa tipo Rovato. La fantasia di tartine,i crostini con Salmone, Tonno e Gamberi e tante altre ghiottonerie. I Cocktail speciali di Edi i vini bianchi e rossi dalla carta i prosecchi e spumanti, insomma siamo i migliori della provincia.
Torniamo alla storia. Nel settembre 1984 Edi viene assunto per un compito a Mosca.
Il 4 settembre arriva a Mosca senza sapere che cosa doveva succedere.
Viene portato in un Hotel con grandi sale mai viste. Qui incontra organizzatori che gli danno l’incarico di gestire un evento italiano organizzato da Linea Sprint e Moda. Marche. Gestisce il tutto con professionalità tale che sino al 1991 è presente in tutti gli eventi del made in Italy.
Nel 1985 Edi apre con il metodo del “Free Time Bar” l’Albatros di Brembate con i fratelli Carminati. Nello stesso anno insieme a Paolo Mosca partecipa come primo Barman (rappresentante dell’associazione AIBES) alla trasmissione Rosso di sera. Viene chiamato per registrare l’ultimo dell’anno con Moana Pozzi e altri artisti.
Sempre nel 1985 davanti al Carefur di Carugate (MI) nel giro di una settimana organizza la prima festa della martesana. Le presenze sono incredibili 40.000 persone bevono drink,birra bibite e mangiano salamelle.
Nel 1986 gestisce per un periodo l’enoteca di Meregalli a Monza. Nello stesso anno pur gestendo tutte le varie attività a settembre è a Vancouver per rappresentare l’Enoteca italica di Siena. Torna in Italia va a Mosca per un evento e al ritorno scappa a Montreal per presentare i vini e prodotti regionali italiani.
Il 1987 si presenta impegnativo 8 eventi a Mosca e San Pietroburgo, 1 evento a Lipsia, Berlino, Parigi, Dusseldorf, Montreal. La stampa del settore incomincia ad interessarsi. Franco Zingales amico e Zio di tutti i Barman scrive articoli sul conto di Edi, Colombo di Civiltà del bere scrive dell’esperienza di Vancouver i locali vanno a gonfie vele nonostante la stanchezza.
Nel 1988 eventi nazionali ed esteri nel luglio dello stesso anno l’I.C.E. gli da incarico di organizzare la più grande manifestazione italiana a Mosca “Italia 2000”.
Per un totale di 15 Tir partono carichi di macchine, accessori e vivande. Evento organizzato nel giro di 20 giorni. Personale impiegato 105 persone tra italiani, moscoviti, cubani, georgiani, mongoli.
In collaborazione con l’Associazione A.I.B.E.S, Cuochi e AIS. Collaborazione con Campari, Martini e Rossi, San Pellegrino, Meregalli, Caffè Lavazza e altri.
In totale 5 bar 24 salette VIP da 24 posti per delegazioni.
Ristorante Free Flow per un totale di 32,000 pasti e altri servizi. Gran Buffet al teatro Bolscoi, buffet per la settimana italiana con Moranti e Dalla e altri eventi disseminati a Mosca.
Grazie alla collaborazione con l’Ambasciata e l’Ambasciatore Sergio Romano siamo arrivati alla fine con successo. Per questo evento Edi è stato premiato al “The Best in the World” al Louvre di Parigi il 19 dicembre del 1988. La timidezza e stanchezza non fanno dire molte parole,comunque è stata un’esperienza irripetibile.
Nel 1989 eventi made in Italy nel giugno l’Asa television incarica di organizzare la ristorazione nella trasmissione “Colpo grosso” e presentare i cocktail delle ragazze cin cin.
La stanchezza,gli eventi i problemi legati al lavoro fanno abbandonare la “Cibo Italiano S.r.l.” società con a capo Edi come amministratore e Direttore Generale.
Finisce la collaborazione con l’Asa Television, con Cibo Italiano S.r.l. e lascio l’Edis Bar Cocktail Lounge di Melzo. Ultimo viaggio a Mosca per l’evento “Vera Brianza” e poi salutare tutti gli amici che avevo conosciuto durante i miei lavori e fine della trasmissione.

L’Edi Bar Cafè & Restaurant del centro di Melzo continua il suo lavoro. A marzo del 1990 rinnovò il ristorante Bar Bianco in Settala rimane 5 mesi poi parte per Madrid per aprire “Lo Spiraglio” ristorante delle Caffetterie California in Goya 47. Josè Rivera proprietario della Pan Rico spagnola amico conosciuto durante un evento a Parigi mi incaricò di aprire un ristorante italiano. A Madrid rimane 8 mesi circa esperienza gratificante.
Con dispiacere, nonostante l’amicizia e cordialità ricevuta, devo tornare in Italia.

1991 Edi si riorganizza e fonda la ZADEC S.r.l. attiva per circa 3 anni organizza eventi e altri manifestazioni.
Nel 1992 /93 studia insieme ad un suo amico ingegnere la realizzazione di un villaggio turistico a Maragogi (Brasile). Parte per Recife un paio di volte. Tornando indietro l’aereo incontra un tempo brutto che per un paio di minuti fanno decidere a Edi di non salire più in aerei (nonostante avesse fatto il militare nei parà della Folgore).

1994 Edi periodo di riposo da marzo ad agosto. A settembre Ristorante Rossana di Basiano sempre in provincia di Milano. Ad ottobre nella stessa location apre il Rossana Club location adatta a cene con musica spettacolo. A novembre inaugura il centro commerciale “il Globo” con la sua esperienza riesce a far fronte a 6.000 persone intervenute per l’apertura.

La location del Ristorante Rossana e del Club si addicono per fermarsi. Le presenze del primo anno sono di 80.000 persone totale,il secondo di 120.000 il traffico della macchine è talmente intenso quando c’è lo spettacolo musicale che occorreva organizzare il servizio di sicurezza.
Per motivi di famiglia gravi lascio il Rossana nel 1998.

Nel 1998 sono al Quota 102 di Mozzanica grande locale con 1200 posti. Il ristorante messicano, il Privè,il banco centrale di 45 metri. Esperienza interessante incassi mai visti.

Nel 1999 apro il Tommy’O presso il Centro commerciale le Porte Franche. Cocktail Lounge, Frulleria, Restaurant e pizzeria con metodo prenotazione tranci a chiamata con 6 casse operative. Il 4 giugno collaborò con il mio carissimo amico Paolo Dini per l’apertura delle Corte del Sol a Castelleone. Grande successo.
Altri 4 vengono aperti con il metodo “Free Time Bar”.
Capodanno del 2000 organizzo la cena all’Arcadia Multiplex per 600 persone un successo.
Nel 2001 un momento di riposo.

Dimenticavo dal 1995 al 2006 docente ristorativi presso ENAIP di Melzo,Vimercate,Busto Arsizio e Gallarate.

Nel 2004 incomincio a progettare lo “Stoker Cocktail Lounge & Restaurant” di San Donato Milanese. Nel 2005 incomincio a progettare il “Roof Garden Cocktail Lounge & Restaurant”.

La mia presenza al Roof Garden Cocktail Lounge & Restaurant dura sino al 25 maggio 2011.